Benvenuto/a! Usiamo i cookies solo per garantire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare accetti l'utilizzo dei cookies. Clicca il bottone per chiudere l'avviso e buona navigazione!

×

Messaggio

Failed loading XML...

O cerchiamo conferme alle nostre idee?


leggiamo il girnale per informarci argomenti di comunicazione puntoevirgolacomunicazione jesiGeneralmente si pensa di leggere i giornali per informarsi. Spesso però si dà credito alle informazioni che confermano le nostre idee.

Ecco ciò che dimostra una recente ricerca condotta da Silvia Knoblock-Weesterwick, ricercatrice all'Università dell'Ohio, negli USA. 156 studenti sono stati invitati a consultare sul web... degli articoli che esprimevano opinioni divergenti su temi politici sensibili (negli USA): il porto d'armi, l'aborto, la salute, il salario minimo. Il risultato è stato netto: gli studenti hanno letto e si sono attardati di più sugli articoli che corrispondevano alle loro opinioni.

Nel 1957 lo psicologo Leon Festinger aveva enunciato il principio della “dissonanza cognitiva” [*] secondo cui molti di noi tendono a cancellare ed eliminare dal proprio orizzonte mentale le informazioni che non corrispondono alle opinioni personali. Nulla di nuovo quindi, se non che tale principio non era ancora stato applicato alla lettura dei giornali.

[fonte "Psicologia contemporanea"]


[*] DISSONANZA COGNITIVA | «Un individuo che attiva due idee o comportamenti che sono tra loro coerenti, si trova in una situazione emotiva soddisfacente (consonanza cognitiva); al contrario, si verrà a trovare in difficoltà discriminatoria ed elaborativa se le due rappresentazioni sono tra loro contrapposte o divergenti. Questa incoerenza produce appunto una "dissonanza cognitiva", che l'individuo cerca automaticamente di eliminare o ridurre a causa del marcato disagio psicologico (ad esempio riduzione dell'autostima) che essa comporta; questo può portare all'attivazione di vari processi elaborativi, che permettono di compensare la dissonanza (e ripristinare l'autostima).

Un'applicazione esemplificativa di tali processi si può avere, ad esempio, quando un soggetto disprezza esplicitamente i ladri, ma compra un oggetto a un prezzo troppo basso per non intuire che sia di provenienza illecita. Secondo Festinger, per ridurre questa contraddizione lo stesso individuo potrà o smettere di disprezzare i ladri (modificando quindi l'atteggiamento), o non acquistare l'oggetto proposto (modificando quindi il comportamento). Generalizzando, la dissonanza cognitiva può essere ridotta in tre modi:

  1. producendo un cambiamento nell'ambiente;
  2. modificando il proprio comportamento;
  3. modificando il proprio mondo cognitivo (ovvero il sistema delle proprie rappresentazioni cognitive e delle loro relazioni funzionali interne)».

[fonte "Wikipedia"]


> Vai al SOMMARIO di Argomenti di Comunicazione


costi e qualità + artigiani della comunicazione puntoevirgolacomunicazione jesi